Festa della mamma: torta fredda alla ricotta e fragole

scritto da & catalogato come cucina.

Cosa c’è di più dolce di una torta da regalare alla mamma per la sua festa?

Una meravigliosa torta vi aspetta!

Di grande effetto stupirà la vostra mamma per la sua bellezza e per la sua bontà.

Questa ricetta non prevede la cottura, è un dolce freddo e facile da comporre, per cui non rischierete di bruciarlo!

Autrice di questa bontà è Silvia.

Ingredienti

Per una tortiera di 16 cm

400 gr di fragole (più altre facoltative per la decorazione)
250 gr di ricotta
150 gr di panna fresca
1 tubetto di latte condensato (170 gr)
80 gr di zucchero
Savoiardi
3 cucchiai di latte
4 gr di gelatina in fogli

Procedimento

Lavate le fragole, frullatene 200 gr con 80 gr di zucchero.

Setacciate la ricotta e montatela con il latte condensato.

Aggiungete con delicatezza la panna, precedentemente montata, e mescolate con un cucchiaio di legno dal basso verso l’alto. Tagliate le restanti fragole a pezzettini e aggiungetele alla crema, mescolando sempre con delicatezza. Scaldate 3 cucchiai di latte e scioglieteci la gelatina precedentemente messa in ammollo.

Tagliate una parte dei savoiardi per renderli alti quanto il bordo dello stampo a cerniera (o dell’anello per torte regolabile).

Inzuppate, nel frullato di fragole,solo da una parte i savoiardi che serviranno per il bordo della torta e poi foderate la circonferenza interna dello stampo.

Inzuppate da entrambi i lati i savoiardi che serviranno come base per il dolce, aspettate un po’ che il succo entri bene nei biscotti.

Sulla base di savoiardi versate metà della crema di ricotta, poi fate di nuovo uno strato di savoiardi bene inzuppati, se vi avanza del frullato di fragole versatelo, poco alla volta, sul secondo strato di savoiardi. A questo punto completate con la seconda metà della crema.

Se volete, decorate la superficie del dolce con altre fragole. Tenete in frigorifero almeno 3 o 4 ore prima di mangiare.

Autrice: Silvia

Sono Silvia e ho 37 anni.
Da circa tre anni sono mamma a tempo pieno di due splendidi cuccioli di tre e cinque anni.
Mi sono avvicinata alla cucina, per necessità e senza passione, ai tempi dell’università, poi quando mi sono sposata è scattato qualcosa che ha iniziato a farmi prestare attenzione a cosa cucinare e come cucinarlo. Certo non avrei mai creduto di appassionarmi così tanto da decidere di aprire un blog . Se una quindicina di anni fa mi avessero detto che avrei passato buona parte del mio tempo fra la cucina e la lettura di libri e riviste di cuicna, non ci avrei creduto! “Chi io??? Noooooo!” Invece piano, piano la cucina è diventata il mio antistress e la mai terapia di rilassamento. Mi piace sperimentare sapori nuovi, testare abbinamenti inconsueti, rivoluzione ricette testate e soprattutto “pastrocchiare” con i mie bambini!

Blog: Pan con l’olio

Pagina Facebook: Pan con l’olio

20 risposte a “Festa della mamma: torta fredda alla ricotta e fragole”

  1. deny

    E brava Silvia, la farò anch’io, forse con un meno di zucchero, sennò mio fratello riky non la può mangiare. Veramente sfizziosa e ben presentata. Brava deny

    Rispondi
  2. Sabry

    Wow… sembra davvero deliziosaaaa O.O
    Poi ci sono i miei 3 ingredienti preferiti: fragole, ricotta e latte condensato… che meraviglia… la copio, ed appena la faccio ti comunico in quanto tempo è finita ^_____^
    Grazie, e… a presto!!!

    Rispondi
  3. Francesca

    Ho comprato tutti gli ingredienti, la farò domani per festeggiare (in ritardo) il mio compleanno, ci vuole sempre un buon motivo per mangiare dolci!!!! Grazie Silvia

    Rispondi
  4. Silvia (furfecchia)

    Eccomi scusate il ritardo per le risposte!

    Deny: puoi tranquillamente eliminare lozucchero dalle fragole, ora sono già belle dolci!

    Beta: grazie!

    Sabry: aspetto il responso! 🙂

    Alessandra: infatti questa ricetta nasce proprio dal pensiero della botà delle fragole con la panna!

    Francesca: auguri (in ritardo) per il compleanno! come è venuta???

    Silvia: si la gelatina va mischiata all’impasto di ricotta, fammi spaere se la fai!

    Maria: grazie!

    Rispondi
  5. Silvia (furfecchia)

    Silvia: è rimasta compatta anche senza gelatina? io l’ho usata solo perchè non ero sicura che la torta rimanesse “in forma” una volta tolta dall’anello regolabile… la prossima volta non la uso nenache io!
    Auguri alla piccola!!!!!

    Rispondi
  6. Beta

    … ma quali 24 ore, l’ho servita ieri per festeggiare la comunione del Mostrillo con gli amici… per fortuna sono riuscita ad assaggiarla (perfino a chi non piacciono le fragole ha fatto bis…) ;-D

    Rispondi
  7. Mara

    Ho fatto questa torta per la festa della mamma ed è stato un successone! Avrei solo una domanda da fare? Il frullato di fragole ho dovuto rifarlo due o tre volte perchè,essendo molto denso,con 200g di fragole non era sufficiente ad inzuppare tutti i savoiardi. Ho sbagliato io,o anche agli altri è successa la stessa cosa? Un saluto a tutte e grzie per gli spunti davvero belli

    Rispondi
  8. Silvia (furfecchia)

    Maria Cristina, Elisabetta grazie!

    Mara: bisognerebbe sentire Beta che l’ha fatta un paio di volte, non so che dirti a me non è successo neanche sabato. Se decidi di rifare di nuovo questa torta e hai lo stesso problema, prova ad aggiungere un po’ di latte al frullato di fragole, io spesso lo uso da solo per bagnare i savoiardi per altre preparazioni. fammi sapere il risultato! e grazie per averla provata!

    Rispondi
  9. Anonimo

    l’ho fatta sabato per il mio compleanno…però con qualche piccola modifica…non ho usato il latte condensato perchè proprio non avevo tempo di andarlo a cercare e non sapevo neanche cosa fosse…lo zucchero invece che nelle fragole frullate l’ho messo nella ricotta (500g di ricotta+200g di zucchero)…e poi sopra un tripudio di panna e fragole….ha avuto un successone sabato sera al ristorante…per fortuna che l’ho fatta bella grande perchè hanno chiesto tutti il bis…

    grazie per la dritta…

    Rispondi
  
  
  
  
  

Lavoriamo insieme!

Scopri come promuoverti
su Pane, Amore e Creatività

Lasciati ispirare!

Essere creativi significa in primo luogo fare qualcosa di insolito... D'altra parte, per quanto insolita, l'idea deve essere abbastanza logica perché la gente possa prenderla sul serio.
Mahatma Gandhi (pensatore)