Privacy Policy

scritto da .

In breve

I cookie sono delle informazioni che consentono a Pane, Amore e Creatività e ai servizi che utilizziamo all’interno del sito di funzionare. Pane, Amore e Creatività non profila i propri utenti ma lo fanno alcuni siti come google e facebook per offrirvi pubblicità mirata. Potete evitare che tutti questi soggetti utilizzino tali informazioni da questa pagina: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte oppure attraverso le impostazioni del vostro browser. Chiudendo il banner che appare in fondo alla pagina, scorrendo una pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsentite esplicitamente all’uso dei cookies. Tutto questo avveniva già anche in passato nella stessa maniera (questo sito ha pubblicato la sua prima privacy policy già nel 2009), ma la legge vuole che vi sia ricordato ad ogni sito che visitate. Portate pazienza, o ribellatevi.

Facciamo contento il legislatore

Questa parte dell’informativa scende in dettagli tecnici perché la norma lo richiede e ci eviterà, speriamo, una multa. Se dopo averla letta non avrete capito molto di più probabilmente significa che la norma non raggiunge l’obiettivo di rendere più consapevole gli utenti. Cercheremo di rimediare nei paragrafi successivi.
In breve: non effettuiamo profilazioni di prima parte. Non abbiamo accesso a dati disaggregati di nessun tipo (né raccolti dal dominio paneamoreecreativita.it né da domini terzi). Google e Facebook sono società che profilano gli utenti acquisendo informazioni sui siti che visitano, sui banner che cliccano, sulle cose che “piacciono” all’utente per garantire pubblicità mirata. Su questo sito l’unico servizio che genera contenuto mirato è google adsense, attraverso logiche che non sono modificabili dallo staff di paneamoreecreativita ma che possono essere modificate dal visitatore attraverso siti specifici o impostazioni del browser. Pane, Amore e Creatività attua ogni possibile intervento tecnico per evitare che gli utenti vengano profilati a prescindere dalle loro impostazioni, nei limiti delle esigenze di coprire parte delle spese attraverso pubblicità online.

Perché c’è un’informativa sulla privacy così lunga, allora? perché ce lo impone la legge, che tra l’altro ci richiede di indicare il titolare della gestione dei dati (che però non esiste perché non registriamo dati personali) ma se davvero abbiamo di fronte un cieco burocrate possiamo invitarlo a considerare come titolare la figura che è titolare del sito stesso, come da registrazione su NIC.it (che è un registro pubblico già in loro possesso e al quale siamo già obbligati a iscriverci). Se come utente, nonostante le nostre rassicurazioni, desideri la rimozione dei dati memorizzati da Pane, Amore e Creatività premi qui.

La norma ci dice quindi di discriminare:

  • i cookie di profilazione utilizzati nella profilazione degli utenti per fini pubblicitari
  • i cookie tecnici a tutela della navigazione e della fruizione del sito web.

eccola accontentata:

Cookies di prima parte
Sito Tipologia Che informazioni trasmette su di me?
www.paneamoreecreativita.it cookies tecnici (ci permettono di utilizzare alcuni servizi senza i quali non riusciremmo a lavorare e ci consente di evitare di annoiarvi in ogni pagina con il banner sulla privacy) Nessuna. Le informazioni vengono elaborate solo sul tuo computer quando visualizzi una pagina.
Cookies di terze parti
Sito Tipologia Che informazioni trasmette su di me?
cloudflare.com cookies tecnici (ci permette di mostrarvi più velocemente le pagine del sito) Nulla, si ricorda solo se ti ha già mostrato una pagina per evitare di fartela scaricare di nuovo.
pinterest.com cookies tecnici (servono a far sapere a Pinterest da dove provengono le immagini) Nulla. Se premi sul pulsante “pin it” saprà che hai visitato una pagina di paneamoreecreativita.
doubleclick.net, googleadservice.com cookies tecnici (servono a far sapere a google che vogliamo mostrare i banner degli sponsor di paneamoreecreativita) Nulla. Se premi sul banner di uno sponsor terremo conto che una persona in più ha premuto su tale banner (lo sponsor sarà contento) ma non registreremo informazioni su di te.
facebook.net cookies tecnici (servono a far sapere a facebook che il pulsante “mi piace” è riferito ad un preciso contenuto) Nulla a meno che tu non prema un pulsante “mi piace”: in tal caso stai comunicando a tutte le persone che hai autorizzato, facebook compreso, i tuoi gusti.
translate.google.com cookies tecnici (servono a far sapere a google che pagina vogliamo tradurre) Se avete espresso una preferenza sulla lingua nel vostro account google è possibile che tale preferenza venga comunicata a google per evitare di chiedervela nuovamente.
google.com, youtube.com cookies di profilazione di terze parti Trasmette informazioni sulle pagine che visiti, sui video che guardi e sui banner che premi. Se non hai un account su uno dei servizi di google di fatto rimarrai anonimo ma comunque verrà conservata una cronistoria dei tuoi interessi. Se sei registrato su un servizio google i tuoi gusti potrebbero essere associati al tuo nome e cognome, ad esempio.

L’obbligo del consenso esplicito riguarda solo i cookie con finalità di profilazione, come avviene ad esempio nei portali di shopping online o se si utilizzano strumenti come Google AdSense o Google Analytics.
Nel momento in cui si accede ad un sito che fa uso di cookie (sia in home page o in un’altra pagina), deve comparire, in primo piano, un banner di idonee dimensioni dove si precisa:

  • l’uso di cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati, se presenti
  • l’uso di cookie di “terze parti”, ossia di cookie che raccolgono dati che verranno utilizzati da un sito diverso da quello che si sta visitando
  • un link all’approfondimento dell’informativa, con indicazioni sull’uso dei cookie inviati dal sito, che precisi la possibilità di negare il consenso alla loro installazione, direttamente o collegandosi ai vari siti, nel caso dei cookie di “terze parti”
  • evidenziare che, proseguendo nella navigazione, si presta il consenso all’uso dei cookie (ad esempio quanto si accede ad un’altra area del sito o selezionando un’immagine o un link).

… e anche questi aspetti sono presenti, non diteci che non ve ne siete accorti o dovrete spiegarci perché state leggendo questo testo!

Informazioni per i non addetti ai lavori

Che informazioni registra Pane, Amore e Creatività su di me?

È semplicissimo: nessuna. I cookie non implicano automaticamente che stiamo raccogliendo informazioni su di voi. I cookies che utilizziamo direttamente sul nostro sito servono solo per garantire la memorizzazione delle vostre impostazioni. Ad esempio è necessario un cookie per poterci permettere di ricordare che non volete che i vostri dati vengano memorizzati su un cookie (vedete anche voi una sottile ironia in questo?).

Google, Facebook e Pinterest invece, tramite i servizi che erogano, registrano informazioni su di voi (i cosiddetti cookie di profilazione di terze parti). Se siete utenti registrati su uno o più di questi servizi è possibile (diciamo pure altamente probabile) che essi tengano traccia delle pagine che visitate, dei banner che cliccate, delle volte in cui premete un pulsante “mi piace” o “pin it”; fanno tutto questo per capire le vostre abitudini e per offrirvi in futuro della pubblicità mirata. Quindi se visiterete spesso pagine del nostro sito è probabile che cercando su google, visitando siti, scrivendo sulla vostra bacheca di facebook a lato vi appaiano pubblicità di creatività manuale.

Posso vietare l’uso dei cookies? e se lo faccio danneggio il sito che frequento? danneggio google? mi faccio del male da solo?

Probabilmente la risposta è no, ni, si. Di sicuro non danneggiate Pane, Amore e Creatività. Disattivate pure tutto, avete il nostro sostegno. Danneggerete google? solo nella misura che se lo facessimo tutti dovrebbe inventarsi un nuovo modo per offrire pubblicità mirata (o meglio, basterebbe tornare a come la gestiva nel 2013). Vi danneggerete? temiamo di si, perché, ad esempio, sareste costretti a premere “ho capito” tutte le volte che visitate una pagina internet. Ma mentre è solo una scocciatura su siti come il nostro, per siti come facebook di fatto renderebbe impossibile utilizzare il servizio.
Questo perché quando cancelliamo indiscriminatamente tutti i cookies togliamo sia i cookies di profilazione, sia i cookies che servono ad erogare un servizio o a ricordare le vostre impostazioni. Se quindi dopo aver disabilitato i cookies vi sembrerà di essere tornati al 1999 forse potete adottare una strategia più mirata… ad esempio cancellando solo i cookies di alcuni siti. A seconda del browser che state usando troverete le informazioni su come fare qui: Google ChromeMozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer. Come menzionavamo sopra paneamoreecreatività utilizza solo cookie “tecnici”: se li cancellate l’unico effetto sarà quello di mostrarvi le pagine un po’ più lentamente e di infastidirvi ad ogni pagina con il banner sulla privacy, ma se a voi sta bene, noi possiamo sopravvivere a tutto questo ;-).

E allora come mi tutelo in alternativa?

Cancellare o negare l’uso dei cookies a nostro personale parere serve a poco. Innanzitutto perché essi non sono l’unico modo per tracciare le vostre abitudini, esistono anche i link, il local storage, i form e le app associate ai siti stessi. Sarebbe come chiedere ad un supermercato di non mandarvi più il volantino (magari si potesse!) per poi scoprire che da quel giorno inizierà a chiamarvi al telefono, a mandarvi sms e a mandarvi pubblicità su email. Insomma, a nostro avviso non serve eliminare una delle modalità di tracciamento, occorre esprimere un consenso o un diniego ad essere tracciati, con qualunque mezzo presente o futuro. La buona notizia è che si può fare: vi invitiamo a modificare le vostre impostazioni su http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte in modo da negare esplicitamente il consenso ad essere tracciati, oppure sui singoli siti, secondo le modalità spiegate qui sotto:

Facebook
Se volete conoscere e gestire le informazioni registrate da facebook su di voi potete visitare: https://www.facebook.com/about/privacy (e, se volete eliminarle al momento l’unico modo a noi noto è cancellare l’account di facebook).
Google
Se volete gestire i vostri dati su google potete cominciare dalla guida presente su http://privacy.google.com/ e visualizzare o modificare i vostri dati qui: https://myaccount.google.com.
Pinterest
Analogamente pinterest gestisce le informazioni su di voi secondo la seguente privacy policy: https://about.pinterest.com/it/privacy-policy. Potete cambiare le vostre impostazioni direttamente dal vostro account https://www.pinterest.com/settings/ agendo su i due “interruttori” nella sezione personalizzazione.

Nota: Questi siti cambiano spesso le proprie politiche sulla privacy e queste vengono comunicate direttamente agli utenti e non necessariamente a noi. Quindi vi invitiamo a verificarle presso i siti stessi perché noi non veniamo informati dei cambiamenti e delle modalità con cui vengono gestiti. Le informazioni riportate rispecchiano quanto ci è dato sapere alla data di giugno 2015.

Quali dati sono messi a disposizione di Pane, Amore e Creatività?

Il nostro sito utilizza Google Analytics per avere informazioni aggregate (cioè non riconducibili ad una singola persona) su chi visita il sito. Possiamo così conoscere quali pagine sono più interessanti, quanti visitatori ci frequentano ogni giorno e informazioni simili (ad esempio la durata media di una visita). Queste informazioni ci sono utili per poter anticipare i vostri interessi, ad esempio per capire quanto tempo prima dobbiamo iniziare a parlare della festa della mamma al fine di darvi il tempo di realizzare un’idea creativa che troverete sul sito. Non raccogliamo alcun dato personale: se ci scrivete un’email potremo vedere la vostra email per rispondervi ma tale indirizzo email non verrà conservato.

Quindi perché devo premere qualcosa in tutti i siti che visito?

Perché, ancora una volta la legge sembra scritta da chi non ha la più pallida idea di come funziona internet. Per regolare il tracciamento dei dati basta imporlo a 4 soggetti: Microsoft, Apple, Mozilla Foundation e Google. Questi quattro signori producono i browser e i cellulari incaricati di raccogliere e trasmettere tutte le informazioni su di voi. Se i browser impedissero la registrazione di dati senza esplicito consenso avremmo già risolto. Ma evidentemente al legislatore piace avere 51 milioni di siti internet da controllare (siti che tra l’altro possono cambiare ogni minuto!) secondo le norme presenti in 45 diversi provvedimenti più gli allegati (senza contare le sentenze della cassazione, e solo in Italia) emessi al ritmo di 4 all’anno… tutto questo ha un costo per la Società, frena la competitività e non offre maggiori tutele ai cittadini. Ma tant’è. Praticamente ogni persona che possiede un blog o un sito, anche se non ci guadagna nulla rischia una multa pari a 10 anni di stipendio di un insegnante se non pubblica quella strisciolina che nessuno leggerà se non per cercare il pulsante “chiudi”. In alternativa, invece di obbligare e punire, perché invece lo Stato non educa direttamente il cittadino alla tutela dei propri diritti e non premia chi rispetta la privacy altrui? è lecito inoltre chiedere al legislatore almeno lo stesso livello di preparazione sull’argomento di chi dovrà poi attuare la legge?

Perdonate quindi il tono semiserio di questo documento. Lo abbiamo stilato in questo modo per mantenere viva l’attenzione fino all’ultima riga. Lo abbiamo fatto perché pensiamo che la tutela della propria privacy sul web, con le compagnie telefoniche, con i supermercati o i distributori di benzina e da parte delle pubbliche amministrazioni sia una cosa seria, ma che non sia questo il modo con cui la si garantisce.