Come fare le bustine portariso per il matrimonio

scritto da & catalogato come WEDDING.

bustine-portariso

Qui da noi è usanza lanciare il riso agli sposi alla fine della cerimonia, ma vi siete mai chiesti perché lo facciamo?

Il riso è una pianta che regala molto raccolto e in Oriente è il simbolo dell’abbondanza. Lanciarne sul capo degli sposi è un modo festoso per augurare loro un matrimonio ricco di prosperità. Per organizzare al meglio questo momento si possono realizzare delle bustine portariso da distribuire direttamente agli invitati. In questo modo tutti ne avranno una piccola quantità da lanciare e non ne verrà sprecato di più.

In questo post vorrei spiegarvi proprio come realizzare le bustine portariso.

Partendo da un quadrato di carta lo piegheremo con la tecnica dell’origami e creeremo la nostra bustina.

Le bustine poi potranno essere inserite in un cestino di vimini, sistemato accanto all’entrata in chiesa o in municipio.

Le bustine portariso

bustine-portariso-tutorial

Partiamo da un quadrato di carta, il mio misura 21 cm per lato.

Piegatelo ora a metà sulla diagonale.

Portate l’angolo di destra verso il centro, dovrà toccare il lato opposto.

Portate anche l’angolo di sinistra verso il centro.

Abbassate ora il triangolo superiore verso il basso.

Inserite il riso nella taschina appena creata e decorate come volete il portariso.

Io, il mio portariso l’ho decorato con una striscia di carta beige, ritagliata con la taglierina Martha Stewart.

Potete trovare una taglierina simile alla mia nel negozio Amazon: http://amzn.to/2ntRavH

bustine-portariso-orizzontale-578

Altre idee per il matrimonio le troverai qui: http://www.paneamoreecreativita.it/blog/tag/matrimonio

bustine-portariso-578

Vedi anche come fare la scatola per la bomboniera (in foto): http://www.paneamoreecreativita.it/blog/2014/09/matrimonio-scatolina-per-la-bomboniera/

  
  
  
  
  

Lavoriamo insieme!

Scopri come promuoverti
su Pane, Amore e Creatività

Lasciati ispirare!

Non mi piace l'idea della creatività come dono divino. Preferisco considerarla una funzione normale e necessaria del pensiero di ognuno.
Edward de Bono