decoupage - gruccia decorata

Come si fa il découpage

Il découpage è la tecnica che permette di decorare gli oggetti con ritagli di carta, il termine è francese e significa proprio ritagliare.

La tecnica molto antica è nata in Europa nel periodo medioevale, veniva usata per decorare piccoli cofanetti, casse e forzieri che dovevano contenere gioielli e vestiti. I motivi più usati erano quelli floreali, piccoli animali come gli uccelli e versetti della Bibbia.

Il découpage

Tutorial découpage

Cosa serve 

Per fare il découpage servirà: della carta non troppo spessa, dei supporti da decorare, un paio di forbici dalla punta fine, della colla vinilica, della vernice trasparente (può essere liquida, spray o a cera) e della carta vetrata molto fine.

Come si fa

Ritaglia i motivi dalla carta che hai scelto, usa una forbicina dalle punte affilate e sottili. Cerca di non utilizzare quella di giornale perché nella fase di incollatura potrebbe diventare trasparente rendendo visibile quindi il disegno o le scritte presenti sul retro.

Carteggia il supporto (se di legno e non già verniciato o colorato) in modo che la superficie sia ben levigata.

Appoggia le figure sul supporto in modo da decidere dove andranno collocate.

Stendi una mano di colla (la vinilica va diluita con acqua: 2 parti di colla e 1 di acqua) con il pennello sul davanti e il retro delle figure ritagliate, premile sulla superficie del supporto, cercando di farle aderire. Passa più volte le dita sui motivi appena incollati, oppure strofina un panno bagnato, facendo in modo che escano le bollicine d’aria.

Carteggia poi la superficie con carta vetrata o paglietta fine, le figure dovranno perdere lo spessore della carta.

Quando la colla sarà asciutta passa una seconda mano di colla, lascia poi asciugare.

Vernicia infine la superficie.

Il video

Guarda anche il video in cui decorano una scatola di legno con il découpage con i tovaglioli di carta.

Progetti con il découpage

Uova svedesi decorate con la tecnica del découpage (vedi qui)

Découpage su barattolo di latta (vedi qui).

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *