A lezione di fotografia e cucina con Sammontana

scritto da & catalogato come cucina.

Venerdì 6 luglio mi sono recata nella splendida città di Roma per partecipare ad un corso all’insegna dell’arte culinaria e del buon gusto, organizzato da Sammontana. Oltre a me hanno partecipato a quest’evento esclusivo anche 29 food blogger, che con passione e costanza offrono tutti i giorni al web le loro personali ricette.

Arrivata alla Città del gusto, luogo scelto per quest’evento, sono stata accolta con ogni riguardo; ad attenderci vi era Leonardo Bagnoli, amministratore delegato di Sammontana, Maurizio Santin, chef pasticcere di Gambero Rosso, Pino Galloni, food stylist, ed infine Luisa Vallieri, fotografa.

Leonardo Bagnoli

Dopo l’emozionante racconto della nascita di Sammontana, azienda familiare tutta italiana, tenuto da Lonardo Bagnoli, siamo state accompagnate, dagli esperti della fotografia e della cucina, a seguire i laboratori, dove insegnamenti e trucchi del mestiere ci sono stati rivelati.

Pino Galloni, food stylist per la pubblicità e il packaging ci ha sorpreso con paste modellabili e oggetti, vere imitazioni di cibi.

(le foto qui sotto sono imitazioni del gelato!)


Ci ha spiegato infatti che nella fotografia per la pubblicità del cibo, vengono usati spesso espedienti e trucchi per poter avere un risultato ottimale anche con quegli ingredienti che difficilmente possono durare a lungo, come ad esempio il buon gelato.

Cibi veri e prodotti verosimiglianti vengono usati contemporaneamente nelle composizioni delle foto, per ottenere un risultato estetico migliore.
(Perché vedere una foto di un gelato squagliato sulla confezione che arriva nei supermercati, non ci affascinerebbe altrettanto come una pallina perfetta!)

L’arte e la bravura in questo lavoro sta nell’ottenere una foto finale “pulita”, che rispecchia in tutto e per tutto il prodotto originale; anche perché oggi c’è molta più attenzione verso il consumatore, che non dev’essere ingannato dalla bella immagine.

Luisa Valieri, fotografa per grandi campagne pubblicitarie, ci ha invitato a cogliere l’attimo che può nascere in ogni situazione, come ad esempio una luce particolare, un ingrediente da far risaltare con la messa a fuoco e le sfocature. Ogni piatto può avere qualcosa che lo renderà speciale, basta saperlo cogliere. Il fotografo in tutto questo non è solo spettatore, ma anche partecipe con la sua arte e la sua visione, che non è sempre frontale. Anche solo una fogliolina verde può dare quel tocco in più ad un piatto, o un oggetto colorato che nell’insieme regala alla foto qualcosa di speciale.

Dopo aver accolto con piacere gli insegnamenti di Pino Galloni e Luisa Valieri, è stata la volta di Maurizio Santin chef pasticcere, che ci ha dedicato un dessert a base di gelato, accompagnato da semplici ingredienti e realizzato sul momento.

Non ho potuto fare a meno di seguire con ammirazione la ricetta, che ho fatto mia e che vi svelo qui in questo post.

Il dessert di Maurizio Santin è un gelato accompagnato da una composta di frutti rossi, bagnati da gocce di aceto balsamico.

L’aceto balsamico, ci ha rivelato lo chef, serve per donare acidità al tutto e renderlo più appetibile al palato.

Ingredienti per questa ricetta

1 brioche

gelato Sammontana nei seguenti gusti: vaniglia, crema e cioccolato

poche gocce di aceto balsamico

frutti rossi

granella

Come si fa

Tagliare la brioche a pezzetti e metterla sul fondo dei bicchieri.

Scaldare la padella e aggiungere un pò di zucchero. Lo zucchero deve appena caramellare sulle pareti, poi si può abbassare la fiamma. Aggiungere i frutti di bosco, bagnare con poche gocce di aceto balsamico per donare acidità.

Mettere in una ciotola il tutto a riposare.

In ogni bicchiere aggiungere una pallina di gelato a scelta.

Aggiungere infine i frutti di bosco aiutandosi con un cucchiaio, volendo si possono mettere anche freddi.

Decorare con granella.

Il nostro dessert

Al termine di questo meraviglioso corso siamo state tutte invitate a creare un piccolo dessert usando come base il gelato e la frutta.

Devo dire che non essendo una vera food blogger, ma una cuoca da weekend, questa per me è stata davvero un’impresa impossibile, ma l’ho accettata con ironia e con un pizzico di creatività e… qualcosa alla fine ne è uscito 😉

Il mio dessert è un cuore al limone racchiuso da una floreale composizione di mela verde e albicocche.

Per crearlo ho dapprima tagliato a fettine sottili la mela verde, che ho disposto nel bicchiere a raggiera.

Ho adagiato una pallina di gelato al limone Sammontana al centro del mio bicchiere e l’ho racchiusa da spicchi di albicocche.

Per finire ho aggiunto una spolveratina di granella di pistacchi per guarnire il tutto.

FOTO CREDITS

Le foto sono state scattate dal fotografo Claudio Furin

7 risposte a “A lezione di fotografia e cucina con Sammontana”

  1. Marta

    Deve essere stata una bellissima e gioiosa esperienza. La tua presentazione del gelato da la sensazione di essere fresco ed estivo. Brava. Ciao

    Rispondi
  
  
  
  
  

Lavoriamo insieme!

Scopri come promuoverti
su Pane, Amore e Creatività

Lasciati ispirare!

Non mi piace l'idea della creatività come dono divino. Preferisco considerarla una funzione normale e necessaria del pensiero di ognuno.
Edward de Bono