Le mie avventure in fiera: ecco quello che succede "dietro le quinte"

Visitare le fiere è per me un’emozione sempre grande, dopo mesi passati in casa a scrivere post e cercare novità nel web, posso finalmente vedere di persona la creatività! Come per tutti però è una vera impresa a volte riuscire a girarle tutte, specialmente quando sono molto affollate.

Oggi vorrei raccontarvi la mia avventura ad Abilmente, svelandovi qualche retroscena e ironizzando un pochino sui “problemi tecnici” che abbiamo avuto.

La sera prima

Stendo sul letto tutto l’impossibile, ovvero quattromila abitini, calzettine, scarpine, tutto quello che potrebbe servirmi per vestire la mia principessa di tre mesi. L’indomani ci aspetta una giornata lunga, non ho idea di quanto staremo via, per cui conoscendola…avrà bisogno di essere cambiata e ricambiata moltissime volte! Faccio il conto, ok 4 cambi possono essere sufficienti, la borsa scoppia da quanto è piena, non sono sicura di avere tutto, ma penso “al massimo ritorniamo a casa”.

Preparo il necessario per le interviste e termino di scrivermi tutti i recapiti di telefono che mi occoreranno. Sono le 11.30, sono stanchissima e non mi reggo più in piedi.

Decido allora di andarmene a letto, ci penserò domani a come vestirmi.

Sveglia

Alle otto mi alzo e comincia il solito tran-tran quotidiano, colazione, riassettare la casa, allattare la piccola, cambiarla……

Alle 10 arriva Claudio Furin il fotografo che mi accompagnerà e la nostra carissima baby sitter. Mi accorgo che ancora non ho deciso come vestirmi, pazienza mi infilo la prima maglietta che trovo e via si parte!

Sono stracarica di cose da pensare ma il viaggio corre veloce, la mia piccola dorme, buon segno!

Arrivo!

Arriviamo ad Abilmente a mezzogiorno, prendo i pass per entrare e parcheggiamo.

Decido di allattare la piccola, perchè così è già a posto per le tre ore successive.

Opsss, dopo la poppata la devo cambiareeee!! Emergenza!! tolgo il seggiolino dalla macchina e improvviso un fasciatoio di fortuna, ok ce la posso fare…no, ho bisogno di una mano, la baby sitter prende al volo il pannolino e cerca furtiva il bidone. Sì, lo trova!!! Il fotografo apre la porta della macchina e decide…di dare aria!!! Io me la rido 😀

Entro in fiera

Entriamo in fiera e che belloooooo, una multitudine di stand, persone ad ogni angolo, guardo la piantina e cosa vedo??? Quest’anno ci sono 4 padiglioni!! So già che non ce la potrò fare a visitarli tutti.

Comincio a correre come una pazza verso l’Atelier del feltro, la gente mi guarda con occhi strani, amen! non ho tempo per un andatura normale.

Bimba e  passeggino sono dietro di me, fotografo pure, penso “si così forse ce la posso fare”.

No! l’imprevisto!! Molti si avvicinano alla bimba per guardarla e toccarla!!??? Ma non è l’attrazione della fiera!! non c’è niente da fare così non andiamo avanti, accidenti perchè io i figli non li so fare bruttini? 🙂

Drinn, arriva un sms, Beta mi informa che è all’atelier del riciclo, se non vado subito da lei potremmo anche passare la giornata senza incontrarci. Guardo la cartina…noooo è dalla parte opposta!!

Ok mi rassegno la mia piccina dovrà stare senza mamma per un pò, lascio le ultime indicazioni alla baby sitter, la guardo e corro da Beta.

Comincio a fare una gimcana vorticosa tra la gente, ad un certo punto sento una voce…Lindaaa io non passooo!! E’ il mio fotografo, è rimasto incastrato tra la gente. Sorrido, a volte essere esili ha i suoi vantaggi! 😉

Incontri

Incontro Beta e anche Cristina: che bello potersi vedere dopo avere frequentato per mesi i nostri rispettivi blog!

Ci facciamo una foto, parliamo due minuti e poi via di nuovo verso gli altri atelier.

Continuo la visita e…mi manca la mia bimba!!

Scattiamo foto, intervistiamo e…comincio ad essere in ansia per la piccola. Starà bene? mi domando. Chiamo la baby sitter, le dico di raggiungermi, lei arriva dopo 15 minuti, proprio non si passa più con il passeggino!!

Prendo in braccio la piccola e me la coccolo un pochino, lei in reltà se ne stava beata e si faceva “scarrozzare” in giro, ma io decido comunque di tenermela stretta. Trovo un posto comodo per darle da mangiare e per cambiarla e nel frattempo “mando in pausa” baby sitter e fotografo. Poveretti a forza di starmi dietro li vedo stanchissimi!

La bimba, me la tengo in braccio!

Ritorniamo al lavoro belli carichi di energie, questa volta però ho deciso, la piccola se ne starà in braccio, la vedo troppo stanca e il passeggino non è comodo come le braccia di mamma. 😉

Avere una piccola con se a volte ha certi vantaggi, cammino e…la gente mi fa passare!!?? Averlo saputo prima! 😉

Intervisto, intervisto e intervisto ancora..sono esausta, ho male in ogni parte del corpo, in particolare al braccio…ma non sono l’unica a essere stanca!!

Piccole pazzie

Sono le 18:00 è ora di tornare, incontro Federica e poi inizio la mia ricerca di un regalo per l’altro mio bimbo, che se n’è rimasto a casa. Trovo un puzzle di Natale, carino e non troppo costoso, sì questo andrà bene.

Eh sì, proprio quando stavamo per andarcene, in un attimo di relax mi imbatto in uno stand francese che ha….le taglierine di Martha Stewart!!! Nooooo, non ci posso credere!!! Mi sono avvicinata e sono letteralmente entrata nello stand.

Proprio in uno scaffale bello in vista, eccole lì tutte in fila, sembrano chiamarmi “Lindaaaa guardaciiii, non ci troverai più!!!”. Ecco di colpo mi sono ritrovata sognante e ho immaginato tutti i modi possibili per usarle, direi che mi è passata davanti tutta la mia vita creativa. 😉 Guardo il prezzo, ohibò 20 euro, mica pochi!

In quel momento ecco mi giro e guardo mia figlia, ummm un attimo di pausa… illuminazione, mi torna in mente il battesimo da preparare; si ho trovato il modo per giustificare questa spesa. 😀

Si ritorna!

Ecco dopo una giornata siamo proprio tutti stanchi, il giorno dopo sapete come lo abbiamo passato? Ma dormendo naturalmente!!!

Alla prossima avventura!!! 😉

Le mie recensioni

Per leggere le recensioni che ho scritto e per vedere le foto scattate, clicca su questo link: http://www.paneamoreecreativita.it/blog/tag/abilmente/

Tags: No tags

29 Responses

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *